Info & Prenotazioni Svizzera +41 (0) 912280277 Italia +39031303003
ItalianEnglish

LIPORISTRUTTURAZIONE UNA METODICA RIVOLUZIONARIA

LIPORISTRUTTURAZIONE UNA METODICA RIVOLUZIONARIA

Un nuovo metodo per creare volumi e dare armonia a viso e corpo

Silhouette-2002-12.jpgUna nuova tecnica chirurgica è in grado di restituire turgore e freschezza al viso e nuova armonia al corpo in maniera duraturae senza ricorrere a materiali estranei allorganismo. Si tratta della liporistrutturazione, un metodo ideato dallamericano Sidney Coleman, recentemente presentato al 4º Congresso nazionale di medicina estitica di Milano, che consiste nellinniezione di grasso, prelevato da una zona del corpo e opportunamente trattato, in una zona dello stesso corpo in cui ci sia bisogno di creare volume. Particolarmente adatta al trattamento del viso (in certi casi, valida alternativa al lifting) la liporistrutturazione può essere utilizzata anche per restituire armonia al corpo. Modellare il corpo rendere più gradevole o ringiovanire un viso, infatti, non vuol dire soltanto aspirare, svuotare o tirare qualche centimetro di pele per renderla più liscia. Più spesso di quel che si possa credere cè invece la necessità di riempire per creare quelle curve, quella consistenza delle forme e regolarità della linea che rendono armonioso un corpo femminile, anche magro.
UNA METODICA RIVOLUZIONARIA
La liporistrutturazìone consiste nel trasferire le cellule adipose (cioè di grasso) del corpo da quelle zone in cui sono in maggiore quantità a quelle dello stesso corpo o volto dove invece è necessario aumentare i volumi e migliorare le forme.
• Questa tecnica può essere considerata un’evoluzione del lipofìlling, un metodo di cui si comincia a parlare nel 1985. In realtà con tale metodo la liporistrutturazione ha in comune soltanto l’idea di trasferire il grasso da una parte allaltra dello stesso corpo ma differisce, poi, per quel che riguarda la tecnica di prelievo del grasso, di trattamento di questo e di reimpianto. Tati modifiche, studiale e messe a punto dal chirurgo plastico newyorkese Sidney Coleman, sono risultate fondamentali per il buon esito del metodo perché garantiscono un elevato attecchimento delle cellule e una LORO sopravvivenza nella nuova sede.
• Il grasso corporeo, prelevato con una lipoaspirazione definita “minima e rifinito con specifiche manipolazioni viene reiniettato in minuscole dosi, in più punti del viso o del corpo. Reiniettare il grasso in tante piccole goccioline anziché in una soluzione unica (a parità di volume di grasso utilizzato) fa sì che si crei una grande superficie di contatto tra il tessuto adiposo e le aree in cui viene reimpiantato. Maggiore è la superfìcie di contatto tra il nuovo grasso e il tessuto circostante, maggiori sono gli scambi vitali che avvengono attraverso tali superfici cellulari e dunque l’apporto di elementi nutritivi forniti dai capillari delle aree in cui è stato iniettato.
• Ecco perché aumenta la possibilità di attecchimento e sopravvivenza in permanenza delle cellule della nuova sede. Ma non è tutto.- dalle analisi eseguite sulle zone trattate si è appurato che il grasso reimpiantato, in un tempo successivo e molto breve, può assumere, la struttura del tessuto in cui si trova.

VISO
Negli anni il viso modifica la sua forma: quando si riduce il volume del grasso, i muscoli si atrofizzano, i tessuti più profondi perdono elasticità, la pelle ai ritrova senza supporto con tutto ciò che ne consegue. Quando il supporto al di sotto della cute si riduce, infatti, la pelle sviluppa rughe e pieghe, quando le guance perdono il loro grasso caratteristico le occhiaie diventano più evidenti, gli zigomi si sgonfiano e cadono sui solchi che vanno dalla base del naso agli angoli esterni della bocca che diventano più profondi.
• Rinforzare la struttura della fronte, delle guance, della bocca, del mento e della linea mandibolare, dona al volto la pienezza della gioventù con un effetto estremamente naturale e duraturo.
• Ma la. liporistrutturazione può essere utilizzata anche per rendere più armonici i tratti di un viso giovane cioè per aumentare gli zigomi, dare nuovo turgore al sopracciglio facendone risalire la coda, migliorare la zona delle tempie che, se scavata, dà un aspetto vecchio e stanco, per aumentare il volume delle labbra, rendere la mandibola più conformata, il mento più prominente.

CORPO
Nel corpo la liporistrutturazione può essere utilizzata per rendere più regolari e armoniose le linee della silhouette. Questo sia in una donna giovane in cui ci sia bisogno, per esempio, di dare maggiore proiezione ai glutei o ammorbidire la linea dei fianchi, sia nelle donne più adulte.
• In questo caso la liporistrutturazione ha il compito di restituire tono e consistenza a quelle parti che si sono “svuotate” per un naturale processo di perdita e re- distribuzione non più omogenea del grasso legato al trascorrere del tempo,
• Con questa tecnica possono essere migliorate le irregolarità del corpo dovute a traumi, a precedenti interventi, a cicatrici, purché ci sia un deficit di tessuto da colmare.

I COSTI
I costi di una liporistrutturazione sono molto variabili e dipendono dall’estensione dell’area da trattare ma soprattutto dalla difficoltà di impianto. Infatti i costi maggiori sono quelli che riguardano la liporistrutturazione del viso. In generale si va da un minimo di 1.000,00 euro (per lo liporistrutturazione, per esempio, di un labbro superiore) a un massimo dì 7.000,00 euro (per l’intero viso).

LA TECNICA
II grasso viene aspirato dalle zone dove ce ne è in maggiori quantità (dall’addome, dai trocanteri o fianchi, dall’interno delle ginocchia) tramite una semplice lipoaspirazione. Per farlo il chirurgo ricorre a strumenti (ideati dal dott. Coleman] con punte smusse cioè non appuntite o taglienti, che non danneggiano le aree donatrici né le aree in cui verrà reimpiantato il grasso. • Una volta prelevato, attraverso un processo di lavaggio e centrifugazione eseguito con appositi macchinari, il grasso perde le parti liquide e i residui di sangue che, se presenti, ridurrebbero la capacità di attecchimento oltre a determinare ematomi. In pratica il grasso aspirato, posto in una siringa, viene fatto girare vorticosamente per 2 o 3 minuti.
• Alla fine dì questa operazione si sarà ottenuta una stratificazione: dal grasso si saranno separati il siero e l’olio di cui prima era intriso. Eliminate queste parti rimane il grasso puro e pulito. A questo punto si può passare al reimpianto. • L’area ricevente viene infiltrata con anestetico locale e “preparata”” per ricevere le cellule adipose. A questo punto, grazie a micro siringhe e micro aghi, piccole gocce di grasso purificato vengono depositate nella zona che deve essere trattata. Perché l’effetto sia omogeneo, naturale e duraturo le goccioline non vengono iniettate tutte allo stesso livello ma rilasciate nei vari strati della pelle che si trovano sotto quello superficiale (epidermide) cioè derma e ipoderma ma anche più in profondità nel muscolo. Il grasso trapiantato attecchisce, cioè comincia a vivere uno vita propria nella nuova sede, seguendo poi il naturale invecchiamento corporeo. Non c’è riassorbimento se non in minima parte [la sua permanenza è pari al 70-80% e solo in pochi casi si è andati sotto al 50%).

Apri Chat
Possiamo aiutarti?
Ciao, possiamo aiutarti?