Addominoplastica

Home » Addominoplastica


1. QUANDO E’ CONSIGLIATA
2. L’INTERVENTO
3. ADDOMINOPLASTICA COMPLETA
4. ADDOMINOPLASTICA PARZIALE
5. OPERAZIONI ASSOCIATE
6. GUARIGIONE
7. PERIODO POST OPERATORIO
8. POSSIBILI COMPLICANZE
9. RIPRESA DELL’ATTIVITÀ FISICA
10. ASSICURAZIONE
11. COSTO
12. RECUPERO


L’addominoplastica è l’intervento che permette di ottenere un addome più liscio e più piatto. Il procedimento riduce la cute e il grasso in eccesso e tende i muscoli della parete addominale. Si ricorre all’addominoplastica anche per correggere la perdita di tono dei muscoli e della cute, che può verificarsi dopo gravidanze o un significativo calo di peso.

1. QUANDO E’ CONSIGLIATA
L’addominoplastica consiste in un intervento di rimozione del tessuto adiposo in eccesso e delle pieghe cutanee nella parte centrale e bassa dell’addome, al fine non tanto della riduzione del peso, quanto di tendere la parete addominale e migliorare l’aspetto di un addome prominente. La dieta e l’esercizio fisico da soli non possono produrre tale risultato poiché questa situazione e spesso accompagnata dall’allontanamento dei muscoli addominali fra loro e dall’indebolimento della parete addominale. Le smagliature, quando possibile, vengono rimosse con l’eccesso di cute che viene asportata, comunque le smagliature presenti sulla cute rimanente dell’addome verranno soltanto migliorate ma non eliminate.

Residuerà sempre all’intervento una cicatrice permanente che, a seconda del tipo di procedura, potrà anche estendersi da un fianco all’altro. L’addominoplastica è un intervento impegnativo e generalmente eseguito in sala operatoria in regime di ricovero, può accompagnarsi ad una liposuzione dell’addome, e richiede una degenza generalmente di 1-3 giorni.

2. L’INTERVENTO

L'incisione per la plastica addominale viene di solito fatta proprio entro o sotto la zona pubica e intorno all'ombelico per tendere la parete addominale, il vs. chirurgo plastico riunirà il tessuto e muscolo sottostanti flaccidi alle suture
fig. 1 – L’incisione per la plastica addominale viene di solito fatta proprio entro o sotto la zona pubica e intorno all’ombelico. La pelle nella zona schermata viene separata dalla parete addominale. fig. 2 – per tendere la parete addominale, il vs. chirurgo plastico riunirà il tessuto e muscolo sottostanti flaccidi alle suture.
dopo l'intervento avete un addome piu' sodo e piu' piatto. Le cicatrici sono permanenti ma si affievoliscono con il tempo dopo l'intervento le mammelle saranno piu proporzionate al resto del corpo. Le cicatrici sono permanenti ma si affievoliscono col tempo
fig. 3 – la pelle addominale viene distesa e viene rimossa quella in eccesso. L’ombelico viene riposizionato nella sua sede naturale. fig. 4 – dopo l’intervento avete un addome piu’ sodo e piu’ piatto. Le cicatrici sono permanenti ma si affievoliscono con il tempo.

Questo tipo di intervento si esegue in anestesia generale, (cioè a paziente completamente addormentato), eseguita da un anestesista in sala operatoria. Sarà somministrata una certa quantità di fluidi per via endovenosa durante l’intervento e a volte anche il giorno successivo. Successivamente sarà possibile tornare ad una dieta regolare.
L’intervento richiede circa 3-4 ore. Generalmente sono necessarie due incisioni: una, nella porzione più bassa dell’addome, proprio al di sopra della linea dei peli del pube che si prolunga lateralmente, piuttosto lunga, fino ai fianchi; l’altra, piccola, circolare intorno all’ombelico, in quanto molto frequentemente l’intervento richiede una risistemazione dell’ombelico in una posizione più alta. La cute ed il grasso sottocutaneo sono ampiamente sollevati dai piani sottostanti; se è necessario, in questa fase viene riparata la parete addominale mediante l’accostamento dei muscoli retti.
Infine, i tessuti superficiali vengono stirati verso il basso e in dentro, l’ombelico viene trasposto nella sua nuova posizione, e l’eccesso di cute e grasso viene asportato. Due piccoli tubi di drenaggio morbidi vengono inseriti nella ferita al fine di raccogliere il sangue ed il siero che potrebbero accumularsi. Tali drenaggi vengono rimossi senza dolore al momento della prima medicazione. Le incisioni chirurgiche sono chiuse con punti di sutura o con graffette metalliche.
Si applica da ultimo un’abbondante medicazione compressiva che, quando viene rimossa alla prima medicazione dopo 2-3 giorni, viene sostituita da una guaina che poi dovrà essere indossata permanentemente per 4 settimane. I punti o le graffette vengono rimossi entro la 10° giornata. Un catetere urinario può essere utilizzato durante l’intervento e verrà rimosso subito dopo l’intervento o il mattino successivo.

 

3. ADDOMINOPLASTICA COMPLETA
Un’ operazione di addominoplastica completa comporta:

  • 1) una incisione fatta da fianco a fianco proprio sopra l’area pubica.
  • 2) Un’altra incisione fatta per liberare l’ombelico dalla pelle circostante.
  • 3) La pelle viene staccata dalla parete addominale per scoprire i muscoli e la fascia che devono essere tesi, la fascia muscolare viene “tirata” con suture.
  • 4) La pelle e il grasso restanti vengono tesi rimuovendo l’eccesso e chiudendo la parte restante.
  • 5) Il peduncolo del vecchio ombelico viene buttato fuori attraverso un nuovo foro e suturato in posizione.
  • 6) Spesso si effettua una liposuzione per rifinire le zone transitorie della scultura addominale.
  • 7) Viene applicato un indumento, che può essere compressivo e qualsiasi eccesso di liquido viene drenato.

4. ADDOMINOPLASTICA PARZIALE
Una operazione di addominoplastica parziale (o mini) comporta:

  • 1) una incisione più piccola.
  • 2) la pelle ed il grasso dell’addome inferiore vengono staccati dalla fascia muscolare in maniera più limitata. La pelle viene tirata in giù e l’eccesso viene tolto.
  • 3) A volte il peduncolo dell’ombelico viene diviso dal muscolo sotto e l’ombelico scivola più in basso sulla parete addominale.
  • 4) A volte viene “tirata” una parte della fascia muscolare addominale.
  • 5) Spesso si effettua una liposuzione per rifinire la zona transitoria.
  • 6) Il lembo di pelle viene ricucito in posizione.

5. OPERAZIONI ASSOCIATE
Una addominoplastica fa parte di un lifting della parte inferiore del corpo e può essere associata a operazioni di contorno come liposuzione, riduzione del torace, lifting del torace, e a volte a isterectomia, in base alla causa dell’isterectomia stessa.

6. GUARIGIONE
L’addominoplastica è uno degli interventi più fastidiosi della chirurgia estetica. In genere bastano da uno a tre giorni di ricovero, oppure l’assistenza domiciliare di un infermiere specializzato. Si può riprendere una lieve attività motoria dopo 10-20 giorni. E’ consigliato non fare attività sportiva prima di sei settimane.

7. PERIODO POST OPERATORIO
Dopo l’intervento i pazienti dovranno rimanere a riposo per 24-48 ore e quindi potranno alzarsi per deambulare (piccole passeggiate). La deambulazione precoce è anche utile per ridurre il rischio di fenomeni di trombosi degli arti inferiori. Per alcuni giorni, la sensazione di tensione sull’addome obbligherà a una postura “piegata in avanti”, e la tosse, lo starnutire e tutte le altre attività che prevedono tensione sui muscoli addominali potranno provocare senso di fastidio e modesto dolore. E’ consigliabile non decombere sull’addome per due settimane (dormire in posizione prona). Medicazioni: Alla fine dell’intervento viene applicata un’abbondante medicazione compressiva, che non dovrà essere disturbata dal paziente e sarà cambiata in genere dopo 48 ore dal chirurgo.. In questa occasione verranno applicate delle medicazioni ridotte, rinforzate però da una guaina di supporto. I punti verranno rimossi dal chirurgo di solito in parte in sesta ed infine in dodicesima giornata dall’intervento.

Cicatrici: Le cicatrici che rimangono dopo questo intervento si rendono meno evidenti con il tempo, ma sono permanenti, anche se potranno venire agevolmente coperte con un normale slip. Nelle prime settimane, le cicatrici appaiono spesso peggiorare, divenendo più rosse ed evidenti. E’ necessario attendere 9-12 mesi perché le cicatrici maturino definitivamente, appiattendosi e divenendo più bianche. Per tale periodo, esse non dovranno essere esposte direttamente al sole (quindi impiegare indumenti o creme filtro antisolare totale) e potranno essere massaggiate con idonee creme emollienti. Talora il chirurgo prescriverà cerotti siliconati da portare sulle cicatrici per i primi mesi.
Occasionalmente può essere opportuna, a distanza, una revisione della cicatrice in alcuni punti per ottenere il miglior risultato cosmetico possibile. Tali piccoli interventi possono essere eseguiti in anestesia locale. Dopo l’operazione, può anche essere presente una modesta sporgenza di tessuti immediatamente al di sopra e a lato delle linee di incisione; generalmente ciò e temporaneo e tende a scomparire, nel giro di qualche mese, man mano che le cicatrici si ammorbidiscono ed i tessuti si distendono. E’ utile ricordare che, anche se un buon risultato è spesso evidente fin dalla rimozione dei punti, non è possibile giudicare il risultato finale dell’operazione finché non sia scomparso tutto l’edema (gonfiore) e l’area dell’intervento non si sia ammorbidita completamente, quindi perlomeno per 3-6 mesi dopo l’intervento. Sensibilità: Dopo l’intervento è sempre presente una perdita di cutanea nella parte inferiore dell’addome che è, generalmente, temporanea e che scomparirà dopo alcuni mesi.

8. POSSIBILI COMPLICANZE
Le complicanze nell’addominoplastica sono rare, ma possibili. Esse sono di due tipi: quelle legate all’anestesia e quelle legate all’intervento. Per quanto attiene alle prime, possono essere anche gravi, ma sono rare nelle persone in buone condizioni generali. In taluni, rari, pazienti, esiste la possibilità, non sempre predicibile prima dell’intervento, che le cicatrici restano arrossate e rilevate permanentemente, ma siamo a forniti di terapie laser e altro per migliorarne l’aspetto finale. Il rischio di complicazioni aumenta nei pazienti diabetici o con patologie cardiache o polmonari.
Le complicanze dell’addominoplastica sono, comunque, in sintesi rare ed affrontabili senza eccessive difficoltà nella grande maggioranza dei casi. Quando intervengono, generalmente, rispondono prontamente ad un trattamento adeguato senza compromettere il risultato finale. Resta fondamentale affidarsi ad un chirurgo esperto, con credenziali e curriculum verificabili.

9. RIPRESA DELL’ATTIVITÀ FISICA
La paziente dovrà stare prevalentemente a riposo con solo attività domestiche leggere consentite per la prima settimana, poi aumentare le attività consuete e sociali gradualmente per la settimana successiva e la seguente ancora. In misura variabile secondo la condizione fisica preoperatoria, il ritorno alla normalità ed all’attività lavorativa avviene dopo 2-4 settimane. Sarà poi possibile e anzi consigliabile una graduale ripresa dell’attività fisica. Dieta appropriata ed esercizio fisico regolare sono importanti per mantenere a lungo il beneficio tratto dallo stesso intervento.
Potranno essere riprese le attività sportive dopo 3-4 settimane per quanto concerne nuoto, joga, e sport leggeri, mentre per gli sport più intensi (sci, tennis, calcio, pallacanestro, vela, pesca subacquea,) sarà preferibile attendere per lo meno 6 settimane. La guida dell’automobile potrà essere ripresa dopo 2 settimane; l’attività sessuale, e i viaggi e le attività lavorative dopo 3 settimane.

ADDOMINOPLASTICA SENZA CICATRICI: (vibro-liposcultura dell’addome)

Per minimizzare le cicatrici si può usare la liposcultura vibrante
dell’addome in associazione all’endoscopia.
La Vibro-liposcultura consiste nell’utilizzo di un manipolo oscillante che imprime a una sottile cannula di aspirazione una vibrazione che scioglie e aspira il grasso senza frantumarlo, rispettando le strutture vascolari e nervose. I vantaggi sono evidenti: scompaiono le tradizionali lunghe incisioni, l’intervento è meno doloroso, la tecnica è piu precisa, meno invasiva e con minori conseguenze postoperatorie.

10. ASSICURAZIONE
Se l’addominoplastica viene eseguita sia per motivi clinici che funzionali, può essere parzialmente coperta dal Sistema Sanitario Nazionale o dall’assicurazione. (Di solito è però il paziente a pagare l’intervento, poiché la finalità è solamente estetica

11. COSTO
Mini addominoplastica a partire da CHF 4’400.-
Addominoplastica completa a partire da CHF 6’600.-

12. RECUPERO
Rimozione punti dopo 6-12 giorni.
Guaina per 4 settimane.
Ritorno al laboro dopo 2 settimane.
Ripresa competa entro 3-6 mesi.


CHIAMA ADESSO
SVIZZERA+41 (0) 916826262
ITALIA +39031303003
ITALIA N. VERDE 800101172